Negli ultimi due lunedì abbiamo conosciuto Gabri’el e Rapha’el.
I partecipanti entusiasti! Ed io di più.
L’energia Angelica non è una convinzione né una suggestione: l’energia angelica è una sintesi di virtù che fanno parte della natura dell’essere umano.
Tutto ciò che si apprende di queste meravigliose creature, entra in relazione con la nostra energia psichica. Si sa che non scindo né prescindo l’essere umano, dalla sua biologia né dalla sua spiritualità.

Gabri’el è la comprensione e dopo la comprensione accade la guarigione, ed ecco l’energia di Rapha’el.(Non significa scampare da un processo biologico in atto  o forse si, magari denominando il fenomeno come “miracolo”).

Comprendere significa abbracciare con l’intelletto una persona o una situazione.

Comprendere significa ” prendere insieme”. Cosa dovremmo prendere?

Prendere ciò che abbiamo imparato da una situazione o da persona, in cosa ci ha fatto crescere e/o risvegliato.

Che cosa esiste, che cosa c’è dietro alla cattiveria di una persona?

Ciò che la muove è cattiveria? Rabbia?

Perché si sente così? In quale fitta maglia è incastrata tale persona, per rivelarsi con noi o altri in questo modo?

Comprendo, e non sono obbligato a restare accanto a questa.

Ci sono dolori, abbattimenti interiori, esiti che non sappiamo interpretare correttamente. Saimo ignoranti, io per prima a volte.

L’impatto emotivo è talmente grande da farci ritornare nelle nostre ferite ataviche.

Ferire significa “abbattere col ferro”.

La ferita emotiva è un abbattimento enorme interiore.

Quando la ferita è oggettiva ed obiettiva, ci sentiamo vacillare.

Ora si teorizza, ma durante un processo di recupero di noi, i dubbi sono come saette che ci mantengono in un velato vittimismo che non ci permette di andare oltre.

Quando si ha a che fare con gli Angeli, automaticamente, si pensa alla fede, al credo ed alla preghiera.

Ecco che in cuor mio io sento di rivolgermi così:

Gabri’el, amico perfetto, tu che mi vedi e mi senti, tu che partecipi all’ascolto del mio dolore, aiutami a trasformarlo nella comprensione assoluta, in modo che riesca a liberarmi da ciò che mi imprigiona nella sofferenza. Illumina la mia mente, il mio intelletto e calma il mio cuore in modo che io possa accettare ed avere una visione reale di quello che accade. Che io possa uscire dal trauma umano, ed dal dramma che questo ha provocato in me.”

Rapha’el guidami nella conoscenza dell’intelligenza delle leggi che vigilano qui,in questo pianeta e appoggia le tue mani, tanto forti da sorreggermi nei momenti più dolorosi e difficili, dove non ho la forza per comprendere, dove non ho energia fisica di reazione. Abbi il tocco della verità su di me, e la consolazione eterna per il mio cuore. Abbi la tua presenza lieta, gioiosa nelle mie giornate e restituiscimi la vitalità, la volontà nel proseguire il mio percorso”

Francy

 

Categorie: Meditazione

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *